english version

È attivo il nostro contatto WhatsApp! Scrivici o chiamaci al 333 2022801

Il miglior biglietto da visita? Verifica la tua Reputazione online!

Qual è la tua reputazione online?

Qual è la tua Reputazione online?

La principale fonte di informazioni, notizie ed opinioni oggi è il Web. Il buzz che esso genera, ovvero il chiacchiericcio degli utenti che esprimono la propria opinione riguardo news, persone e prodotti, costituisce una grande opportunità. Ma, se a circolare sono contenuti negativi o compromettenti sul tuo conto, ecco che il web diventa improvvisamente una vera e propria trappola. Un boomerang mediatico. Per questo una periodica verifica della reputazione online è fondamentale per sapere quello che si dice di te sul web e difendere così il tuo nome o il tuo brand da diffamazione e attacchi alla privacy.

Strumenti per la verifica della reputazione online

Questo post è dedicato ad alcuni strumenti di monitoraggio, gratuiti e facili da interrogare anche se utilizzati in autonomia.

Google Alert

Il primo strumento per vedere cosa si dice di te sul Web è Google, il motore di ricerca più utilizzato dagli utenti. E’ proprio consultando questo motore di ricerca che si possono intercettare commenti negativi, lamentele o diffamazioni. Queste danneggiano la tua figura o la tua azienda. Non tutti sanno che Google dispone di una piattaforma che permette di verificare quale sia la tua reputazione sul web. Il suo nome è Google Alert ed è un tool gratuito e semplicissimo da usare. Ti basterà connetterti alla piattaforma e impostare l’argomento che vuoi tracciare (ad esempio il tuo nome o quello della tua azienda). Digitando “Crea avviso” riceverai aggiornamenti immediati, giornalieri o settimanali (puoi scegliere tu la scadenza). Puoi anche decidere quali fonti tracciare (web, blog, news, video, gruppi di discussione, libri), in quale lingua, in quale regione, quanti risultati includere.

Google My Activity

Un’altra piattaforma di facile utilizzo e gratuita messa a disposizione da Google è My Activity. Essa ti permette di sapere quello che il motore di ricerca ha registrato sulla tua attività sul web e quindi di avere un maggiore controllo della tua privacy.  In una timeline ti mostra tutte le informazioni che ha raccolto rispetto alle azioni che hai compiuto su Google (ma solo se hai aperto un account). Ricerche, siti web visitativideo guardati, annunci visualizzati, posizione su GoogleMaps, email inviate, contatti aggiunti: a Google non sfugge proprio niente, e non solo condivide con te quello che lui sa di te, ma ti permette anche di disattivare o abilitare il salvataggio delle informazioni, fino a cancellare definitivamente le informazioni associate al tuo profilo.

La schermata di Google my Activity

Attenti ai social network: monitorare è meglio che curare

Altri campi aperti (a volte minati!) di discussione, condivisione e scambi sono i social network. Facebook, Twitter, Linkedin, Google Plus, Instagram, qualsiasi piattaforma può essere fonte di informazioni positive o negative su di te e il tuo brand. Specie su Facebook, ancora oggi il social network più influente, prima di pubblicare qualsiasi informazione assicurati di aver sistemato correttamente le impostazioni della privacy; e prima di postare qualcosa pensa a chi sono i tuoi contatti (amici, colleghi, conoscenti), quali dati e contenuti personali sono visibili. Considerata la delicatezza dell’argomento, abbiamo dedicato un post alle corrette impostazioni della privacy su Facebook.
Devi quindi verificare la tua reputazione online anche sui social. Una corretta supervisione di quanto viene detto e condiviso nei web è fondamentale per valorizzare i contenuti positivi e rimediare agli eventuali danni alla reputazione generati dalla diffusione di informazioni lesive.

Conclusioni e consigli per una corretta verifica della reputazione online

Come vedi, le possibilità di monitoraggio offerte dal web sono numerose e, in molti casi, gratuite. Resta inteso che, nei casi in cui l’immagine digitale sia seriamente compromessa, la strada consigliata resta sempre quella di rivolgersi ad aziende competenti e specializzate nel monitoraggio web e nell’eliminazione di contenuti negativi come Tutela Digitale: interviene tempestivamente, verifica e rimuove i risultati web lesivi. Periodicamente fornisce uno screening dettagliato di quanto si dice sul web su di te o sulla tua azienda, per poi intervenire ottimizzando la tua identità online.
Sei pronto a costruire il tuo biglietto da visita sul web?

Simonluca Renda

Simonluca Renda

Simonluca Renda è Communication Specialist e collabora da diversi anni con Tutela Digitale curandone la comunicazione on ed off line. Scrive sul Journal di Tutela Digitale dal 2018.

Simonluca Renda

Simonluca Renda è Communication Specialist e collabora da diversi anni con Tutela Digitale curandone la comunicazione on ed off line. Scrive sul Journal di Tutela Digitale dal 2018.
Potrebbe interessarti anche
Tutela Digitale | Eliminare nome da Google

Come eliminare il proprio nome da Google

Talvolta desideriamo rimanere in anonimo e far sì che il nostro nome non venga associato a nessun contenuto...
15 Ottobre 2018
Tutela Digitale | Tutelare reputazione online

I 5 consigli per tutelare la tua reputazione on-line

Al giorno d’oggi, la reputazione on-line è il tuo primo biglietto da visita. Dal datore di lavoro al...
12 Luglio 2018
Guai di reputazione in rete

Perché devi tutelare la reputazione online

Tutelare la reputazione online non è solo un invito per il tuo bene. È anche un avviso affinché...
11 Giugno 2021
Diritto all'oblio Rimozione da internet

Rimozione notizie online: la guida completa 2021

Rimozione notizie online; è sempre possibile? Come e quando si può fare? Eliminare articoli di giornale e altre...
5 Luglio 2021
Recensioni su Google

Come eliminare una recensione negativa da Google

Oggigiorno è normale entrare in un bar, ordinare qualcosa, e recensire la propria esperienza. Tutti, o quasi, amano...
5 Marzo 2019
Diritto all'Oblio Vs Diritto di Cronaca

Diritto All’Oblio VS Diritto di Cronaca: novità in arrivo

Più volte abbiamo parlato di Diritto all’Oblio e della sua connessione con il Diritto di Cronaca. L’argomento rimane spinoso...
11 Settembre 2019