english version

È attivo il nostro contatto WhatsApp! Scrivici o chiamaci al 333 2022801

Dark web: nuove misure in arrivo

Dark web

Durante l’annuale appuntamento degli gli sviluppatori Google I/O, è stato svelata la nuova arma del colosso di Mountain View per aiutare gli utenti a proteggersi online. La nuova feature, infatti, permetterà di scoprire se il proprio indirizzo e-mail sia mai stato pubblicato sul Dark web. La nuova implementazione si andrà ad aggiungere ai già diversi servizi che Google offre suoi utenti come il gestore delle password integrato in Chrome, che offre un alto tasso di sicurezza online con la protezione dei dati personali.
Dark Web Report, questo il nome della funzionalità, sarà dapprima disponibile per gli utenti USA, poi verrà ampliata anche agli altri Paesi. Il nuovo servizio a disposizioni degli abbonati Google One cercherà proprio nel dark web le informazioni personali dell’utente, come nome, indirizzo e-mail, numero di telefono e codice fiscale, e, se li troverà, manderà una notifica all’utente.
In fase di attivazione del Dark web Report verrà richiesto quali informazioni monitoriate. Questo sistema scansionerà periodicamente la rete nascosta in cerca di informazioni, quando, e se, Google troverà delle corrispondenze, insieme alla mail di notifica invierà anche suggerimenti sulle azioni da intraprendere per proteggersi.
I nostri dati possono essere rubati senza che noi ce ne accorgiamo, quando subiamo violazioni ai danni di servizi a cui siamo iscritti. Questo potrebbe portare a tentativi di furti di identità, frodi bancarie e phishing da parte di cyber criminali. 

Cos’è il Dark Web?

Il Dark Web è una parte “oscura” del World Wide Web che non è indicizzata dai motori di ricerca tradizionali. Questa dimensione nascosta richiede l’uso di software specifici, come Tor, per accedervi. A differenza del Web tradizionale, il Dark Web è noto per essere un ambiente anonimo e spesso utilizzato per scopi illegali. Qui, infatti, può avvenire la compravendita di dati personali, senza che i loro legittimi proprietari lo sappiano.
In questo luogo digitale proliferano le attività cyber criminali. Nella “spazi” della rete più oscura e nascosta è possibile trovare mercati illegali dove vengono vendute droghe, armi, dati personali rubati e persino servizi di hacking, questo grazie alla mancanza di tracciabilità e l’anonimato offerto dal Dark Web. Anche se navigare anonimamente nel dark web può essere allettante, in realtà nasconde molti pericoli. Mentre navighiamo possiamo essere presi di mira da criminali informatici che possono sfruttare le vulnerabilità dei software utilizzati per accedere al Dark Web per ottenere informazioni personali sensibili o compromettere i dispositivi degli utenti.

Leggi anche: https://www.tuteladigitale.it/journal/pericoli-del-web/profili-falsi-furto-di-identita-social-network/

Dark web e Deep Web

Il Deep Web è quella parte del web che include il Dark Web.
Mentre il Deep Web include tutto ciò che è nascosto e non facilmente accessibile tramite una ricerca diretta, il Dark Web è una piccola sottosezione del Deep Web dove si svolgono le attività illegali. Il Dark Web rappresenta l’insieme dei siti web, che offrono i loro contenuti attraverso un indirizzo IP nascosto e che sono accessibili soltanto attraverso la rete nascosta. 

Come proteggersi

La migliore difesa contro i rischi del Dark Web è evitare di accedervi completamente.
Se la tua scelta è comunque quella di navigare anonimamente attraverso il Dark wWeb, è consigliabile mettere in atto delle semplici azioni di buona navigazione: 

  • Usa password diversificate e con un alto livello di sicurezza, quindi scegli sempre quelle più difficili; 
  • Usa una VPN, in questo modo il tuo indirizzo ip risulterà camuffato e non potrà essere rintracciato; 
  • Fai attenzione ai siti che visiti, scegli quelli con una navigazione sicura quindi i siti con protocollo HTTPS. 
  • Stai molto attento alle informazioni che decidi di condividere, valuta sempre quanto il sito è sicuro prima di scrivere le tue informazioni. 

Ricordati sempre di adottare misure di sicurezza online, utilizzando software antivirus e firewall aggiornati. 

Potrebbe interessarti anche: https://www.tuteladigitale.it/guide/il-diritto-alloblio-cose-e-come-esercitarlo/

Infine, noi di Tutela Digitale possiamo suggerirti di controllare sempre come verranno utilizzati i tuoi dati prima di fornirli e se scopri che qualcuno li utilizza in modo improprio contattaci per trovare la strategia migliore per rimuoverli. 

Dark web e sicurezza online

Per Approfondire:

https://blog.google/intl/it-it/nuove-funzioni-di-sicurezza-per-tutti-i-piani-google-one/
https://io.google/2023

Silvia Tugnoli

Silvia Tugnoli

Silvia Tugnoli, libera professionista nel settore del web marketing e della comunicazione, collabora con Tutela Digitale dal 2020

Silvia Tugnoli

Silvia Tugnoli, libera professionista nel settore del web marketing e della comunicazione, collabora con Tutela Digitale dal 2020
Potrebbe interessarti anche
Partnership DAS Tutela Digitale

Assicurare la propria Brand o Web Reputation? Da oggi si può

Come spesso diciamo la tutela della Web Reputation deve essere un pensiero fisso nel manager di oggi. Sia...
11 Febbraio 2020
Tutela Digitale | Wi-fi | Sicurezza

Rischi di una connessione Wi-Fi pubblica

Al bar con gli amici, in albergo, in un museo o in vacanza all’estero. Utilizzare reti pubbliche è...
9 Maggio 2017
Cybersicurezza nelle email

Cybersicurezza; perché fare attenzione alle Email

Sentiamo spesso parlare di Cybersicurezza, e mentre ci immaginiamo enormi stanzoni pieni di Server presi di mira da...
15 Dicembre 2021
Cyber criminali Vocal Deep Fake

Deep Fake Vocali, la nuova minaccia digitale

I Deep Fake vocali non sono propriamente una novità. Già nel 2019 era emerso il loro utilizzo per...
12 Settembre 2022