Diritto oblio garante privacy



Il Diritto all’Oblio è il diritto di venire dimenticati dalla rete per fatti di cronaca che non sono più di interesse pubblico. Quando non si riesce ad applicare in maniera diretta, è possibile rivolgersi al Garante della Privacy. Ma conviene farlo? Scopriamo di più.

Cos’è il Diritto all’Oblio

Da quando è stato introdotto nel 2014 dalla Corte di Giustizia Europea, il Diritto all’Oblio è diventato fondamentale per la web reputation di ogni utente internet. Infatti questo diritto stabilisce che un eventuale notizia lesiva della reputazione, sebbene corrispondente al diritto di cronaca, non possa perseguitare chi vi è rappresentato per sempre. Dopo un certo lasso di tempo, il fatto di cronaca torna necessariamente ad essere di natura privata. Quella stessa notizia non può essere associata per sempre al suo protagonista, che ha diritto a venire dimenticato per fatti del passato.

Perché nasce il Diritto all’Oblio

La necessità che ha portato alla nascita del Diritto all’Oblio sono connesse alla natura stessa del web. Infatti internet è eterno. Ne consegue che tutto ciò che vi appare, potenzialmente, potrebbe rimanere on-line “vita natural durante”, offuscando la reputazione di chi, ad esempio, ha già pagato (o è addirittura risultato innocente in tribunale) per un determinato crimine. Oppure per il protagonista di una notizia lesiva che però si rifà a molto tempo prima.

Quando e come applicare il Diritto all’Oblio senza il Garante della Privacy

È possibile veder rimossa da internet una notizia lesiva della reputazione, rivolgendosi direttamente a Google. L’azienda di Mountain View ha infatti creato un modulo per fare richiesta di rimozione di informazioni da Google. Questo metodo, diretto, si scontra con due problematiche piuttosto comuni. La prima sono i lunghi tempi di attesa. La seconda è il fatto che la maggior parte delle istanze viene rifiutata. Per questo motivo sono nate aziende specializzate come Tutela Digitale. Sappiamo come cancellare notizie da internet in appena 7 giorni, con un’altissima percentuale di successo. Tutela Digitale elimina dal web articoli, foto, video che ledono la reputazione della persona, e lo fa proprio avvalendosi del Diritto all’Oblio, insieme ad avvocati ed informatici specializzati.

Quando rivolgersi al Garante della Privacy

Il ricorso al Garante della privacy è l’ultima alternativa. Va sottolineato però, come rivolgendosi a lui non si potrà portare la stessa questione di fronte all’autorità giudiziaria. Il vantaggio del Garante della privacy rispetto all’autorità giudiziaria, sta essenzialmente nei ridotti termini del procedimento. Tuttavia solo un tribunale può condannare con un risarcimento danni. Chi intende ottenere un risarcimento, perciò, dovrà necessariamente scegliere di rivolgersi all’autorità giudiziaria.


Contattaci

Vuoi eliminare rapidamente un contenuto che ti danneggia?

Il nostro servizio diventa sempre più smart e ti permette di indicarci agilmente i contenuti che non vuoi appaiano più sul web. Segnalaci il link non desiderato, inserisci i tuoi dati, lascia un messaggio e ti ricontattaremo in poco tempo dopo aver analizzato il materiale.
In alternativa, contattaci direttamente a: info@tuteladigitale.it, specificando le tue necessità. Analizzeremo il tuo contenuto e ti risponderemo entro 24 h

Contattaci

Sede

Vieni a trovarci