Journal

5 cose da non scrivere mai su Facebook a Natale. Per difendere la tua privacy … e non solo!

Tutela Digitale | Festività Social Network

Con l’arrivo del Natale cresce la voglia di condividere con gli amici di Facebook i momenti di gioia trascorsi in vacanza o in famiglia. Oramai, infatti, siamo sempre più abituati alla condivisione di post, foto e video per raccontarci ai parenti e agli amici. Tuttavia, condividere sul web molti dettagli della vita privata mette a rischio la tua privacy. Quella di famiglia e amici. E non solo: può rivelarsi pericoloso poiché rende pubbliche tracce delle tue abitudini e dei tuoi spostamenti che, potenzialmente, possono essere osservati anche da sconosciuti o da delinquenti.

Hai mai pensato a cosa potrebbe succedere se un malintenzionato trovasse sul web informazioni che ti riguardano? Se sapesse dove abiti, dove lavori, quali sono i tuoi spostamenti? Non abbassare la guardia neanche a Natale, quando la tua attenzione è tutta rivolta alle feste in famiglia o a vacanze in giro per il mondo.

Come gestire questo social network e tutelare la tua vita dai danni che potrebbe causare lo sharing non consapevole di informazioni private?

 

Informazioni da non regalare mai, neanche a Natale

1. Posizione geografica: non dire dove sei!

Stai lasciando la tua città per viaggiare verso vacanze di Natale da sogno con la tua famiglia, o stai volando dai tuoi amici lontani per festeggiare il Capodanno. E’ meglio non pubblicare aggiornamenti sui tuoi spostamenti o specificare quanto tempo ti tratterrai fuori di casa. Infatti, come attestano alcune statistiche, capita sempre più frequentemente che i ladri spiino i social network, tramite la geolocalizzazione, per cercare case da svaligiare.
Attraverso “Facebook Places”, il servizio di localizzazione di Facebook, ogni volta che ti sposti da un luogo a un altro puoi dichiarare la tua posizione e condividerla con la tua cerchia di amici. Ma i cyber ladri, a questo punto, potrebbero sfruttare Facebook come un comodo canale per conoscere la tua posizione e approfittare della tua assenza da casa per agire. Ti consigliamo, quindi, di non “confidare” a Facebook particolari riguardanti viaggi e spostamenti.

2. Indirizzo e foto dell’abitazione: proteggi la tua casa da occhi indiscreti

Altre due informazioni che è meglio evitare di condividere su Facebook sono indirizzo e immagini della tua casa, per non fornire utili indizi a cyber ladri in cerca di case da “ripulire”. Se proprio vuoi condividere con i tuoi familiari e amici più stretti le foto della casa addobbata per le feste con albero e decorazioni natalizie, personalizza le impostazioni sulla privacy delle immagini. Per mantenere private le tue foto, quando carichi un’immagine (o un album) ricordati sempre di specificare chi potrà vederla: se tutti, solo gli amici, solo tu o una specifica lista di amici.

facebook privacy1

3. Immagini delle feste in famiglia: filtra la tua vita privata

La gioia del Natale trascina zii e cugini alla condivisione delle foto durante i momenti di festa trascorsi insieme. Sicuramente il momento del cenone, l’apertura dei regali, il brindisi sono scatti memorabili, ma meglio evitare di pubblicarli su Facebook. Anche queste foto sono informazioni private e privilegiate per potenziali stalker, ladri e non solo: è provato che anche potenziali datori di lavoro utilizzano il profilo Facebook per indagare su di te, vedere qual è il tuo stile di vita, come sei nella vita privata. Tuttavia, puoi anche in questo caso personalizzare la visibilità delle foto dividendo i tuoi contatti per liste, ovvero raggruppandoli per categorie e scegliere così chi può e chi non può vedere ciò che pubblichi. Ad esempio, vuoi postare una foto del tuo compleanno da condividere con i tuoi amici, ma non hai piacere sia vista dai colleghi che hai preferito non invitare: vai nella home di Facebook e scorri a sinistra dove trovi la sezione “Amici”; clicca su “Altro” e poi su “Crea una lista”. Assegna alla  lista un nome identificativo (in questo caso Colleghi o Lavoro) e inserisci i nomi degli amici che desideri aggiungere. Eviterai figuracce e manterrai la tua privacy inviolata.

facebook privacy2

4. Foto con nomi e tag di bambini: proteggi i minori

Chi ha figli o nipoti è fiero di loro e condividere le foto su Facebook è un modo per riempirsi di orgoglio e mostrare la loro bellezza a parenti e amici. Ma evita di farlo: Facebook è un luogo popolato anche da malintenzionati che facilmente lo utilizzano con finalità pericolose. Quindi per tutelare la tua famiglia, non taggare i nomi dei tuoi bambini nelle foto, o, ancora meglio, evita di pubblicare le loro foto.

 

5. Informazioni di status: meglio non dare nell’occhio

Mettere in piazza informazioni sensibili non è sano nella vita privata tantomeno su Facebook. Evita quindi di pubblicare notizie su dove andrai per le vacanze, di come festeggerai il compleanno, foto dei regali, prodotti appena acquistati o che utilizziamo comunemente (l’auto, la moto, il pc, lo smartphone…), oppure di eventi speciali come lauree, matrimoni, nascite. Potresti attirare l’attenzione di stalker fastidiosi o di ladri che saprebbero come e dove poter fare un bel bottino. Forse non lo sai, ma anche le assicurazioni attingono dalla rete informazioni di Facebook per vedere se i propri clienti si espongono a rischi inutili.

 

Rivolgiti a Tutela Digitale

Difendere la privacy su Facebook è un tuo diritto. Conoscere come tutelarla ti permette di evitare spiacevoli situazioni che potrebbero sfociare in tragedie. In questi casi il team di Tutela Digitale, professionisti nel settore della tutela digitale, interviene a sostegno di quanti hanno subito danni d’immagine personale e/o aziendale. Per informazioni su come difendere la tua reputazione sul Web, contattaci.

Condividi